Incontri online, cosa temono di più le donne

Le applicazioni per incontrare persone online, si stanno diffondendo sempre di più, ma una fetta di popolazione le temono

Ci sono alcune cose che le donne e gli uomini temono sui siti di incontri online
Cellulare (Foto Pixabay)

Grazie ai cambiamenti sociali i siti di incontri online stanno avendo un maggiore successo e rappresentano un luogo alternativo dove conoscersi per poi incontrarsi. Molti uomini e donne italiane, però, sono cauti o diffidenti a causa dell’imbarazzo o dei pregiudizi che, consequenzialmente, generano blocchi durante l’approccio. A dimostrarlo sono gli studi condotti da Inner Circle.

Crystal Cansdale, dating expert, consiglia una modalità di approccio: ”pensare al match come se fosse un incontro nella vita reale, dove sono già molto abili. Quando si incontra una persona dal vivo come prima cosa la saluti e ti sforzi di avviare una conversazione interessante sulla base di cosa vedi o del contesto” poi aggiunge ”Lo stesso si applica al match online. Appena ricevi una notifica di match, manda un messaggio di saluto e prova a fare una domanda sulla base degli interessi che la ragazza ha menzionato nella sua bio o dei dettagli che vedi nelle sue foto” e infine conclude ”attendi due o tre giorni che vi messaggiate e quando hai raccolto un po’ di informazioni, proponile un’uscita che pensi le possa piacere”.

Cosa mostrano gli studi condotti su donne e uomini che approcciano per la prima volta ai siti di incontri?

Ci sono alcune cose che le donne e gli uomini temono sui siti di incontri online
Donna al cellulare(Foto Pixabay)

Una ricerca su 1.000 single italiani realizzata da Inner Circle mostra che il 64% delle donne ritiene che, a causa di pressioni sociali, non debbano provare queste applicazioni, soprattutto a causa dei commenti negativi da fatti amici e parenti, cosa che negli uomini e molto più bassa. Infatti il 35% delle donne ha mentito sul modo in cui ha incontrato la persona che sta frequentando, se conosciuta online.

Leggi anche:Dating online: le paure più frequenti negli uomini

Come sempre a pesare sulle persone sono i pregiudizi di genere molto diffusi nel nostro Paese. “Queste paure -dichiarano gli autori del sondaggio- sono principalmente legate a forme di insicurezza personale e incertezza su come comportarsi”. Mary Santamaria, è ritenuta una delle massime esperte italiane di dating e si concentra sui rischi e sui pregiudizi che coinvolgono le donne online, come le molestie all’interno delle chat, che includono contenuti offensivi o discriminatori.

Leggi anche:Clean eating, i molti benefici del “mangiare pulito”

Una dinamica che purtroppo avviene molto più facilmente online, e non è un caso. L’online infatti è un terreno privilegiato per questo tipo di molestie, tanto che secondo una ricerca del PEW Research Center (2020) il 75% delle cybermolestie avviene sui social media e il 10% proprio sulle dating app, – spiega Mary Santamaria sui social – quando accade a me non so mai come reagire… a volte temo perfino di essere sgarbata nonostante di fatto in quella situazione io stia subendo qualcosa di spiacevole, e mi assale un grande disagio che rovina la mia esperienza online. Anche se avvengono in chat, le molestie sono comunque molestie e le App offrono sistemi per tutelarsi con chatbot, per esempio, su Meetic.

Impostazioni privacy