La Spezia: verità sul topo fotografato al pronto soccorso

A La Spezia è apparso in ospedale un topo che ha fatto allarmare i presenti che hanno, la sua storia è incredibile

topo fotografato la spezia ospedale
Topo (Facebook)

Camminava per le vie dell’ospedale di La Spezia ed ha fatto aprire un’indagine per capire la sua natura. Stiamo parlando di un topo che ha fatto molto preoccupare i presenti e i medici che si sono ritrovati tra i pazienti l’animaletto peloso e pericoloso per la salute dei ricoverati. Il caso è stato chiuso qualche giorno fa quando è uscita fuori la verità.

Nelle ultime settimane, dopo la foto del topo pubblicata sui social da qualche utente che si è trovato in ospedale durante il fattaccio, sono tanti i commenti che si sono aggirati intorno al caso e molti hanno affermato che il pronto soccorso non sia pulito e che le condizioni igieniche devono essere rimesse a punto. In realtà, dalle indagini condotte dall’Asl5 spezzina è emerso un dettaglio che metterebbe tutti a tacere: ecco di cosa si tratta.

La Spezia, il topo diventato una star: tutti i dettagli sulla vicenda

ospedale topo la spezia
Ospedale (Pixabay)

Analizzando la foto postata sui social, i responsabili dell’azienda sanitaria hanno scoperto che si tratta di un topo domestico, lo si nota dal suo atteggiamento rilassato, un roditore che sta bene alla luce del sole e insieme alle persone. Si tratta di un evento surreale. E le indagini avrebbero confermato. Ma com’è finito in ospedale?

Dopo una serie di ricerche, gli esperi hanno scoperto che l’animale appartiene ad una ragazza spezzina che alleva i ratti. La sera dell’accaduto era entrata nel triage del pronto soccorso per caricare il telefono e nell’attesa il suo topo ha deciso di farsi una giro. L’Asl5 ha deciso di non prendere alcuna decisione nei confronti della donna.

Leggi anche: I 5 borghi più “spaventosi” da visitare per Halloween

Leggi anche: Si dà fuoco e viene salvata dai pompieri: “Fatto per amore”

Il presidente della Regione Giovanni Toti, che fino alla settimana passata aveva la delega alla Sanità, ha affermato: “Dopo aver sbattuto il “mostro” in prima pagina (ci scusiamo col topo) ora scopriamo, dopo un’accurata indagine della Asl5 che ringraziamo e un’immediata derattizzazione, che il topo nei corridoi dell’ospedale Sant’Andrea era stato portato da una paziente…come “accompagnatore”! E non è Lercio!” aggiungendo “Pur amando gli animali, ci troviamo costretti a raccomandare a chi dovesse andare in ospedale di non farsi accompagnare dal proprio animale domestico. E forse qualcuno dovrebbe chiedere scusa. Nu ghe semmu, figgeu!“.

Impostazioni privacy