Bonus bollette 3mila euro: a chi spettano e come richiederli

Per una certa categoria di cittadini è stato approntato un bonus destinato ad ammortizzare in modo sostanzioso le spese delle bollette. Un bonus che può arrivare a 3mila euro ma ad alcune condizioni

bonus lavoratori
Ufficio (foto Pixabay)

Uno dei sistemi che lo scorso governo ha messo in campo per cercare di mitigare l’impatto della crisi energetica sul budget familiare e su quello delle imprese è stata l’introduzione di una serie di misure economiche.

Ma oltre a destinare fondi alle fasce di popolazione più deboli il Governo Draghi prima e il Governo Meloni ora hanno agito anche su un altro aspetto che riguarda molto da vicino tutti i lavoratori e le lavoratrici. Ecco a quali è destinato il nuovo bonus inserito nei più recenti provvedimenti licenziati dall’esecutivo di centro-destra.

Un bonus che arriva a 3mila euro ma solo per questi lavoratori

bonus come chiedere
Ufficio (foto Pixabay)

Tutte le sigle sindacali hanno provveduto in tempi brevi a stilare una comunicazione e una piccola guida che riguarda il nuovo bonus da 3mila euro destinato a lavoratori e lavoratrici. Ma quali sono i requisiti per ottenere questo bonus che potrebbe risultare molto utile visti gli aumenti delle utenze domestiche? E qual è la procedura con cui il lavoratore o la lavoratrice può richiedere la misura di assistenza?

Leggi anche:Reddito di Cittadinanza, chi ha quest’età perderà l’aiuto economico

Cominciando dalle buone notizie, occorre da subito sottolineare come questo bonus sia diverso da quello portato a 600 euro che era stato uno degli ultimi provvedimenti del Governo Draghi. Un bonus che va ad ampliare le capacità che le aziende hanno di premiare, in un certo senso, e aiutare i propri dipendenti. Ma se il bonus da 600 euro andava motivato, consegnando al proprio datore di lavoro le fatture e le ricevute di quanto pagato per le utenze nel corso dell’anno, il nuovo bonus da 3mila euro non ha necessità di essere richiesto in maniera attiva dal lavoratore o dalla lavoratrice.

Leggi anche:Canone Rai, non più in bolletta: come si pagherà nel 2023

È infatti l’azienda stessa che decide di erogare questo bonus da 3mila euro per aiutare il lavoratore o la lavoratrice a far fronte sempre alle spese per le utenze. Come indicato nelle circolari delle varie sigle sindacali si tratta di un bonus che l’azienda ha facoltà sia di decidere di erogare o meno sia di erogare a tutti i dipendenti o solo ad alcuni. Nella agevolazione rientrano tutte le utenze anche in caso di affitto se le utenze sono intestate al proprietario ma nel contratto è stabilito che sono a carico dell’affittuario. Come il bonus da 600 euro, anche questo da 3mila euro non va ad intaccare il reddito e non è tassato.

Impostazioni privacy