Tetto contante, invece di scendere salirà. Meloni: “Penalizza poveri”

La Presidente Meloni è convinta che il tetto al contante penalizza i poveri e affossa la competitività. Ecco il nuovo limite cui si punta

togliere limite contanti
Euro (foto Unsplash)

Nel corso degli ultimi anni il tetto per l’uso del contante è stato progressivamente abbassato e si è comunque sempre attestato sotto i 5 mila euro arrivando a quella che è adesso la soglia dei 2 mila euro ma stando alle ultime dichiarazioni della Presidente Meloni questo tetto non contrasta la criminalità ma anzi penalizza i poveri e andrebbe alzato. La Presidente del consiglio, anche durante le repliche alle dichiarazioni sulla fiducia al Senato degli scorsi giorni, ha sottolineato come il cambiamento del tetto al limite per l’utilizzo del contante sia già nel programma e ha ricordato le idee espresse diversi anni fa dal ministro Padoan riguardo il non legame tra gli eventuali limiti all’utilizzo del contante imposti in un Paese e l’efficacia della lotta all’evasione fiscale.

Ed è arrivata a breve giro anche la proposta a firma Lega di portare molto più su la soglia per l’utilizzo del contante fino a 10 mila euro. Alcuni studi molto recenti, come per esempio l’ultimo cui ha partecipato anche la Banca d’Italia dimostrerebbero però tutto il contrario.

Tetto al contante, l’idea del governo di centro-destra

limite contante
Euro (foto Unsplash)

Pochi mesi fa moltissimi commercianti e liberi professionisti hanno deciso, o hanno dovuto decidere, di abbracciare la presenza del pos per permettere a chi lo vuole il pagamento di qualunque somma di denaro attraverso il bancomat o la carta di credito; una misura che il precedente governo ha messo in campo proprio per combattere gli evasori fiscali e consentire così un tracciamento più capillare dei pagamenti per poter anche identificare quei soggetti che percepiscono somme in nero.

Leggi anche: Rincaro pezzi, non solo bollette: in Italia aumentano anche gli affitti

Un’altra forma di lotta all’evasione al sommerso è sempre stata negli ultimi anni l’imposizione di un limite al pagamento con il denaro contante. Nel corso di questo 2022 il limite è stato fissato a 2 mila euro. Ma, come chiarito dalla Presidente Meloni e come rafforzato dalla proposta di legge presentata dalla Lega di Salvini, sembrerebbe arrivato il momento di innalzare il limite del contante.

Leggi anche: Governo Meloni, cosa accadrà al reddito di cittadinanza

La Presidente Meloni nel suo discorso richiama anche una posizione del ministro dell’economia Padoan che diversi anni fa dichiarò che non c’era relazione tra il limite di denaro contante e l’economia sommersa. Purtroppo, però, vale la pena ricordare che lo stesso Padoan, anni dopo, fece dietrofront e ammise che quella sua idea era sbagliata. Imporre un limite all’utilizzo del denaro contante serve per costringere chi movimenta grosse somme di denaro a farlo alla luce del sole, questa è l’idea di chi vuole un tetto molto basso. Di contro c’è l’idea del Governo a guida Meloni che invece è convinta che un limite troppo basso ll’utilizzo del contante serve solo a penalizzare i più poveri.

Impostazioni privacy